Gestire il kernel

Inserito da il24 October 2006, 2598 visite totali

Lavorando su sistemi linux spesso occorre gestire il kernel, con un po di pratica le operazioni diventano abbastanza facili da fare, però spesso è molto snervante scrivere tutti quei comandi a mano, per questo motivo ho scritto questo programma.

Esso serve per semplificare la gestione del kernel e dei suoi sorgenti. Ecco qui qualche esempio, per configurare e installare un kernel solitamente facciamo così:

# emerge gentoo-sources
# cd /usr/src
# ln -s linux-2.6.15-gentoo-r1 linux
# cd linux
# make menuconfig
# make
# make modules_install
# cp arch/i386/boot/bzImage /boot/kernel-2.6.15-gentoo-r1
# cp System.map /boot/System.map-2.6.15-gentoo-r1
# nano /boot/grub.conf

Con ekernel:

# emerge gentoo-sources
# ekernel --src-link
# ekernel --config
# ekernel --compile
# ekernel --install

Inoltre esso gestisce un link simbolico in /boot/kernel che punta al kernel che si vuole bootare e quindi non è necessario aggiornare ogni volta grub.conf.

Un altro esempio del suo funzionamento è il caso in cui si deve aggiornare il kernel, manualmente:

# emerge -u gentoo-sources
# ln -s /usr/src/linux-2.6.15-gentoo-r1 /usr/src/linux
# cp /usr/src/linux-2.6.14-gentoo-r5/.config /usr/src/linux/
# cd /usr/src/linux
# make oldconfig
# make # make modules_install
# cp arch/i386/boot/bzImage /boot/kernel-2.6.15-gentoo-r1
# cp System.map /boot/System.map-2.6.15-gentoo-r1
# nano /boot/grub.conf

Con ekernel invece:

# emerge -u gentoo-sources
# ekernel --src-link
# ekernel --import-config
# ekernel --compile
# ekernel --install --default

Oltre alle funzionalità che ho indicato ne ha una per me molto comoda che è quella di eliminare tutti i riferimenti ai kernel vecchi in /boot, /lib/modules e /usr/src (modalità –prune). Comunque per sapere tutte le funzioni di ekernel vi basta vedere l’ help in linea con “ekernel –help”.

Per chi voglia provarlo, è disponibile il tarball di ekernel. Il tarball contiene un file eseguibile “ekernel.pl” che va posizionato in una directory appartenente al path e un file “ekernel.conf” che è il file di configurazione e va posizionato in /etc (se non vi piace il posto potete metterlo dove volete a patto di modificare la variabile $config_file in cima allo script). E’ stato sviluppato e testato solo su gentoo ma ciò non toglie che potrebbe funzionare anche su altre distribuzioni. Il programma è rilasciato sotto licenza GPLv2 come è specificato in cima allo script, usatelo a vostro rischio e pericolo, non sono responsabile in caso di danni al vostro sistema!

3 commenti per “Gestire il kernel”

  1. Francesco scrive:

    Ho bisogno di aiuto. Premetto che mi sono avvicinato a linux da qualche giorno. ho la necessità di minimizzare il kernel. l’obiettivo è quello di minimizzare e rendere il più stabile possibile il tempo che il computer si renda conto che gli è arrivato un comando tramite antenna wireless con protocollo udp e alzi il pin2 della porta parallela. puoi darmi qualche dritta o consigliarmi qualche materiale? mi è stato detto che esistono tool che elencano i moduli attivi e dicono quello che fanno (in modo da poter stabilire cosa togliere) ne sai qualcosa. Io penso che dovrei rivolgermi ai processi esiste qualcosa di analogo. Grazie in anticipo Francesco.

  2. pennega scrive:

    Per i moduli puoi leggere la guida sulla compilazione del kernel presente nella sezione guide del sito, trovi una descrizione delle varie sezioni di configurazioni del kernel. Il consiglio per sapere quello che fanno i moduli è quello di leggere gli help che trovi quando vai a compilare il kernel che sono molto esaustivi.
    Per il secondo problema della scheda wifi non saprei che dirti ma sicuramente qualcosa in giro si trova oppure si potrebbe creare uno script ad hoc per fare quello che vuoi

  3. Cheap Custom Built Computers…

    I couldn’t understand some parts of this article, but it sounds interesting…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *